Valle San Nicolò: la “Strada di Rusci”

Nella Valle S. Nicolò, la principale delle convalli di Fassa, erano localizzati  gli accampamenti delle riserve austriache e le stazioni a valle delle teleferiche che garantivano i rifornimenti alle postazioni sulla Costabella.

I collegamenti con le retrovie erano garantiti da una carrareccia soprannominata “Strada di Rusci”, in quanto fu realizzata dai numerosi prigionieri di guerra russi giunti in Valle nel giugno 1915 ed utilizzati come manodopera coatta per la costruzione di strade e postazioni e come portatori per il trasporto di materiali in quota.

Le dure condizioni di vita ed il vitto scarso mieterono numerosissime vittime tra questi prigionieri.

 Nei fienili in località Ciampié aveva posto la sede del suo comando il Tenente Leo Handl, ideatore e progettista della Città di Ghiaccio sulla Marmolada.

ITINERARIO

A Pozza si seguono le indicazioni per “Val San Nicolò” e si segue la strada, stretta e tortuosa, che segue il corso del torrente fino alla località Sauch (posteggio a pagamento).

Qui è necessario lasciare la macchina e proseguire a piedi seguendo il sentiero 608 che segue il tracciato della “Strada di Rusci”, posto sulla sinistra orografica della valle, oppure la carrareccia; in entrambi i casi, il sentiero alterna tratti pianeggianti a brevi salite in falsopiano.

Seguendo la carrareccia, lungo il percorso  ci si imbatte in alcuni cippi commemorativi eretti in corrispondenza del villaggio di baracche austriaco a memoria dei comandanti di questo settore e dei soldati caduti .

Il sentiero termina al Rifugio “Baita alle Cascate” (m. 2011; h 1.30).

© Marco Barbieri - www.webmapp.it  Dati cartografici e condizioni d’uso

Informativa estesa sull’uso dei Cookie     /   Privacy

Esercitazione di Standschutzen nei pressi Malga Ciampié